A glimpse of music

music, gigs, reviews and comments

Post Animal: a music trip

post-animal-big

I’m not gonna deny it: once again, another form of art brought me to a band. And I’m not trying to hide it, because I’m so glad that a tv series I’ve been loving so much – Stranger Things – gifted me with a new band to follow and being into.

So, thanks to Joe Keery’s acting career, last summer I bumped into Post Animal‘s music.
The effect of this discovering was the non-stop playing of their tracks on Spotify: at work, on the bus, at home. Their psychedelic sound was immediately able to relax me and brought me somewhere else, even during very stressful weeks. With their music in my ears, I’ve faced my unforgettable on-the-road trip around the US even better: their tracks perfectly fit with the deep sense of freedom that I’ve been feeling during my American holidays.
Sadly, I didn’t head to Chicago, the home-town for this 6-piece band, but this could not stop me: that’s why I got in touch with the band by e-mail to find out more.

First of all, Post Animal are a story of friendship: a group of friends having loads of fun in playing and exploring music for the pursuit of just one thing: music itself. I cant’t help loving the idea of 6 different personalities and lives merging into one single project for the simple and amazing aim of playing music and having fun together.

Their story, their influences, Chicago, visual arts, The Beatles on a desert island and more: have a glimpse of these guys’ world and be ready to have a ride with them among guitars and experimental sounds (a full album is on its way).

The trip is about to start:

Departure: Post Animal gate, Chicago / Destination: ears and headphones all around the world / On board services: psychedelia, rock, fun.

Got your ticket?

1. How d’you know each other? How long have you been in the band and when you decided to be a band?

Dalton and Matt are pals from way back in middle school, pre-teen years. They met Jake when they moved to Chicago for school, and the three started making some tunes together to test the musical waters. Matt then met Joe through work, and he joined in as drummer. We recorded “Water Activities” in this lineup, and then Joe decided to bring on his old college friend Wes on drums, so he moved to guitar while Jake was in New York for a summer. Then, while Joe was away on his acting gig, we brought in Javi on guitar, and when Joe returned Javi remained as the final member because he was too fun and too good to let fly away. This has all spanned in about two years and a half, but our current 6-piece lineup has only existed for the better part of a year.

2. Tell me a bit about your work so far…

We recorded “Water Activities” as the 4-piece with Joe on drums. All sporadically recorded when we had time, and in Dalton’s bedroom. Definitely learned a lot in that time about ourselves as musicians and collaborators. Next came “The Garden Series“: this was much more collaborative (Joe is actually featured on drums, guitars and keyboards on this EP, and Wes came in to finish up the final four songs on drums) and experimental genre-wise, as we kind of wanted to emulate classic A/B side record releases in a series of two-single releases. “The Garden Series” made us realize that we wanted to do a real deal full-length album, and we wanted to do it in a very collaborative and grand way. So this past June we went to a friend’s lake house in Michigan and did just that. We’re putting some finishing touches on it recording wise, and then we just have to mix/master and wait a little bit to release it. Should be fun!

3. What are your main influences? 

The benefit of having six members in the band means multiple influences. Black Sabbath, the Beatles, ELO, Steely Dan, the Eagles, T Rex, Stevie Wonder, etc. all touch bases for classic influences. We listen to a lot of modern stuff as well. A little bit of Australia with Mink Mussel Creek, Tame Impala, Pond, King Gizzard, anything Ty Segall is doing (Fuzz in particular), Mild High Club, our Chicago pals in Twin Peaks, Joe Bordenaro, etc., movies, nature, all of the above.

post-animal

4. I do love your videos: how is visual art important to you and your music?

Visual art is super important to conveying a certain aura or physical feeling about a band, and fortunately we’ve had the pleasure of working with our good friend Olivia Oyamada regarding posters, t-shirts, and all drawn artwork for the band. We also worked with Caitlin Martin on our video for “When I Get Home”. We gave her the song, and she just took it and made some super cool and far out animations. It’s very cool to put images to music, as they go hand in hand. Caitlin and Olivia are great.

5. How Chicago impacts your music?

We’ve got a sort of city pride regarding music. It’s all we know as far as playing and sort of coming up. Bands are super supportive and there’s not really an air of superiority amongst anyone. We love playing with our friends, and we love playing for Chicago fans. It’s been a real rowdy time.

6. What’s your relationship with social media and music streaming?

Social media tells people what we’re up to, and streaming platforms are basically the only way people can listen to us, so we rely heavily on both to stay afloat. Plus, we can be super goofy on Instagram, which is always fun. Comedy careers are a backup for Jake and Wes.

7. An artist you’d love to play with (dead or alive)

King Gizzard and the Lizard Wizard, Mink Mussel Creek, Black Sabbath, and I bet ELO would be a blast to open for.

8. If you were about to be taken to a desert island but had the chance to pick a record to bring with you, what would that be?

Man, this choice probably varies for everyone, but I think everyone could collectively get down with a Beatles record. Maybe “Abbey Road” or “Sgt.Peppers”? Or “Magical Mystery Tour”? That’s a really tough decision.

9. What are your upcoming plans? 

We’re gonna finish up this full-length album to be released late-winter most likely, and then we’re gonna go full-fledged and tour the US. Stay tuned for more information!

10. Any chance to see you playing in Italy someday? (you’re warned, I have dibs on meeting you!)

That would be an absolute dream, and hopefully we can find a way to make that happen! We have dibs on meeting you!

FIND OUT MORE:

http://postanimal.bandcamp.com/

Facebook: facebook.com/postanimal
Instagram: @postanimal
Twitter: @postanimalmusic
Post Animal on Spotify and YouTube

 

POST ANIMAL: UN VIAGGIO MUSICALE

Non lo nego: ancora una volta, è stata un’altra forma d’arte a farmi conoscere una band. E non lo nascondo, perché sono veramente felice che una serie tv che ho amato così tanto – Stranger Things – mi abbia regalato anche una band da seguire e per la quale entusiasmarmi.

Quindi, grazie alla carriera e al modo di recitare di Joe Keery, la scorsa estate mi sono imbattuta nella musica dei Post Animal.
L’effetto di questa scoperta è stato l’ascolto interrotto delle loro canzoni su Spotify: al lavoro, sul bus, a casa. Il loro suono psichedelico è stato immediatamente capace di rilassarmi e di portarmi altrove, anche in settimane davvero ricche di stress. Con la loro musica nelle orecchie, ho affrontato ancora meglio il mio indimenticabile viaggio on the road negli Stati Uniti: le loro canzoni si incastonano perfettamente in quel senso di profonda libertà che ho provato per l’intera durata delle mie vacanze americane.
Purtroppo, non sono riuscita ad arrivare fino a Chicago, la città di questi sei ragazzi,  ma questo non mi ha certo fermata: ecco perché ho contattato la band via e-mail per saperne un po’ di più sul loro conto.

I Post Animal sono, innanzitutto, una storia di amicizia: un gruppo di amici americani che si divertono un mondo a suonare e sperimentare con la musica, con un unico scopo: la musica così com’è. Non posso che amare l’idea di sei personalità e vite differenti che si fondono in un singolo progetto con il semplice e fantastico obiettivo di suonare e divertirsi insieme.

La loro storia, le loro influenze, Chicago, le arti visive, i Beatles su un’isola deserta e molto di più: date una sbirciatina al mondo di questi ragazzi e preparatevi per partire con loro, in un viaggio tra chitarre e suoni sperimentali (e con un album completo che sta per arrivare). Si parte:

Partenza: imbarco Post Animal, Chicago / Destinazione: orecchie e cuffie in tutto il mondo / Servizi a bordo: psichedelia, rock, divertimento.

Fatto il biglietto?

1. Come vi siete conosciuti? Da quanto tempo suonate nella band e quando avete deciso di esserlo?

Dalton e Matt sono compagni dai tempi delle scuole medie, ancora prima di essere adolescenti, e hanno incontrato Jake quando si sono trasferiti a Chicago: hanno cominciato a fare suonare insieme e testare le proprie capacità musicali. Matt ha poi incontrato Joe per lavoro, e lui si è unito alla band come batterista. Con questa formazione, abbiamo registrato “Water Activities”, poi Joe ha deciso di coinvolgere anche un suo vecchio amico del college, Wes, che è diventato il batterista, con Joe spostato alla chitarra mentre Jake era a New York. Poi, mentre Joe era lontano per i suoi impegni di attore, abbiamo coinvolto Javi alla chitarra, ed è rimasto anche al ritorno di Joe, perché insieme ci divertiamo troppo e non avrebbe avuto senso lasciarlo andare via. Tutti questi cambiamenti sono avvenuti nell’arco di circa due anni e mezzo, e l’attuale formazione da sei esiste da circa un anno.

2. Raccontatemi un po’ dei vostri lavoro fino ad oggi…

Abbiamo registrato “Water Activities” con la prima formazione, quella con Joe alla batteria, in maniera sporadica quando avevamo un po’ di tempo, nella stanza di Dalton. Sicuramente in quel periodo abbiamo imparato molto su di noi, come musicisti e come collaboratori l’uno dell’altro. Poi è stato il momento di “The Garden Series“: questo è stato sicuramente un lavoro più collaborativo (Joe compare sull’EP sia alla batteria, che alla chitarra che alla tastiera, e Wes è arrivato per completare la quattro canzoni finali), e sperimentale nella definizione del nostro genere, perché abbiamo voluto emulare le classiche uscite discografiche con un lato A e B, pubblicandone due con doppio singolo. “The Garden Series” ci ha fatto capire che volevamo pubblicare un album intero, realizzandolo in una maniera estremamente collaborativa e grandiosa. Quindi, lo scorso giugno ci siamo ritrovati nella casa al lago di un amico, nel Michigan, e abbiamo fatto esattamente quello: ci mancano giusto alcuni tocchi finali, e poi il mix e la masterizzazione. Ci sarà da divertirsi!

3. Quali sono le vostre principali influenze? 

Il vantaggio di essere in sei è quello di poter far leva su influenze molto diverse. Black Sabbath, Beatles, ELO, Steely Dan, Eagles, T Rex, Stevie Wonder, etc., sicuramente fanno parte delle nostre influenze più classiche. Ma ascoltiamo anche moltissima musica contemporanea: Mink Mussel Creek, Tame Impala, Pond, King Gizzard, qualsiasi cosa di Ty Segall (soprattutto “Fuzz”), Mild High Club, i nostri amici e concittadini dei Twin Peaks, Joe Bordenaro… e poi sicuramente anche i film, la natura, un po’ di tutto.

4. Mi piacciono moltissimo i vostri video: quanto sono importanti le arte visive per voi e per la vostra musica?

Pensiamo che le arti visive siano super importanti per dare una certa aurea o una sensazione precisa ad una band, e fortunatamente abbiamo avuto il piacere di lavorare con la nostra amica Olivia Oyamada per tutto quello che riguarda poster, t-shirt, e artwork. Abbiamo lavorato anche con Caitlin Martin per il video di “When I Get Home”: le abbiamo fornito la canzone e lei l’ha semplicemente presa per creare delle animazioni super-fighe ed eccentriche. E’ bellissimo aggiungere immagini alla musica, perché per noi vanno di pari passo. E Caitlin e Olivia sono meravigliose.

5. Quanto conta Chicago per la vostra musica?

Abbiamo come una sorta di orgoglio cittadino per la musica. E’ tutto per noi, sia per come stiamo suonando in questo momento, sia per come stiamo emergendo. Le band si supportano alla grande tra di loro e non c’è davvero nessuno che si senta superiore a qualcuno altro. Amiamo suonare con i nostri amici e amiamo suonare per i fan di Chicago. E’ stato un periodo veramente intenso e a tutto volume per noi!

6. Qual è il vostro rapporto con i social media e con lo streaming musicale?

I social media raccontano alla gente quello che stiamo facendo e le piattaforme di streaming sono state, fino ad ora, il solo strumento con cui le persone hanno potuto ascoltare la nostra musica, quindi sicuramente ci affidiamo molto ad entrambi. E poi, siamo essere veramente stupidi su Instagram, cosa che è sempre molto divertente. Sicuramente Jake e Wes potranno contare su una carriera da comici, come piano B.

7. Un artista con cui vorreste suonare (vivo o morto)

King Gizzard and the Lizard Wizard, Mink Mussel Creek, Black Sabbath, e scommento anche gli ELO, sarebbe una figata far da opening ad un loro concerto.

8. Se vi stessero per portare su un’isola deserta e doveste scegliere un album da portare con voi, quale sarebbe?

Aiuto, probabilmente ognuno di noi sceglierebbe una cosa diversa, ma penso che tutti noi sceglieremmo all’unanimità un disco dei Beatles. Forse “Abbey Road” o “Sgt.Peppers”? O “Magical Mystery Tour”? E’ una decisione difficilissima.

9. Quali sono i vostri prossimi piani?

Stiamo completando l’album, che molto probabilmente uscirà verso la fine dell’inverno,  e poi ci tufferemo in un tour negli US. Daremo presto maggiori dettagli a riguardo!

10. Qualche possibilità di riuscire ad avervi in Italia prima o poi? (siete avvisati: ho la prelazione)

Sarebbe assolutamente un sogno per noi, e speriamo di poter trovare presto il modo per farlo… E abbiamo anche noi la prelazione per incontrarti!

FIND OUT MORE:

http://postanimal.bandcamp.com/

Facebook: facebook.com/postanimal
Instagram: @postanimal
Twitter: @postanimalmusic
Post Animal on Spotify and YouTube

 

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on 7 November 2016 by in Interview and tagged , , , , , , , , , .

Navigation

Ascolti Alternativi

Blog della miglior musica indie rock italiana e non. Guarda, Ascolta, Conosci!

Rivista Paper Street

Testata di informazione culturale

Videosmusic

Videos Music blog...novità, recensioni e opinioni

IO VIAGGIO DA SOLA

recensioni di viaggio, musica, libri, stile e vizi

%d bloggers like this: